Sascoc furore over gay athletes

By Daneel Knoetze - daneel.knoetze@inl.co.za


Johannesburg - Sascoc president Gideon Sam is in hot water with gay rights
groups after he reportedly derided the Gay Games at the Sports Industry Summit.

Speaking at the summit in Joburg on Thursday, Sam, said Sascoc did not govern
the Gay Games, because the body was involved in the administration of "serious
sport" in South Africa.

The Gay Games is the world's largest sporting event organised by and
specifically for lesbian, gay, bisexual and transsexual athletes.

While a copy of Sam's speech is not publicly available, a flurry of reaction
on Twitter from members of the audience suggests the statement was interpreted
to have been derogatory.

Speaking to the Cape Argus on Friday morning, Sam admitted feeling a "ripple
of dissent" moving through the room after he made the statement. He maintains
he was misinterpreted.

Nonhlanhla Mkhize, director of the Durban Gay and Lesbian Centre, said that
while she had not personally heard Sam's comments, it was unacceptable for gay
athletes to be belittled.

"If the statement was intended to belittle the Gay Games and gay athletes
[who] compete there, then it is absolutely unacceptable. It saddens us to think
that this could be seen as a less serious contest than other sporting
tournaments," she said.

"If it is indeed true that his statement was misinterpreted by the gallery,
then we challenge him to come out and set the record straight. We would like
Sam and Sascoc to open themselves up to the idea of engaging with gay sportsmen
and women, and to show in their policies, and implementation of these, that
they are truly committed to encouraging growth in sport across the board,
regardless of gender and sexual orientation."

Adam Fraser, the head of communication for the summit, said he was not present
during the speech, but his attention was drawn to the Twitter reaction to it.
"We are not a judge and jury; we provide a platform for leaders in the sporting
community to express their views, and for debates in [this] community to be
given a public space… I can't give an opinion on Sam's statement. We want sport
in South Africa to improve, and one way that this can be achieved is through
debate and dialogue."

Sam has denied that his statements were intended to belittle gay athletes or
the Gay Games. "I was merely stating a fact – that Sascoc does not have an
associate membership of any federation involved in the management and promotion
of sport for gay people in the country. I am a democrat, and believe in
everybody's right to be what they want to be," he said. "As Sascoc we would be
happy to engage with leaders of such a federation. Every sector of society has
the right to empower themselves through… sport… as Sascoc it is our mandate to
support such efforts."

Fonte: http://www.iol.co.za/sport/more-sport/sascoc-furore-over-gay-athletes-
1.1411940#.UJEOVY4vTP2

Pubblicato da Lorenzo Bernini

Cameroon: Investigate Threats Against Rights Lawyers

(Nairobi) – Authorities in Cameroon should promptly investigate threats against
two prominent lawyers who are representing clients accused of homosexuality,
Human Rights Watch said. The government should publicly denounce the threats
against the defense lawyers and ensure that they receive necessary protection.

Since October 18, 2012, Alice Nkom, a lawyer based in Douala, and Michel
Togue, a Yaoundé-based lawyer, have received a series of anonymous threats by
cell phone and email related to their work on several high-profile
homosexuality cases. One text message to Togue threatened his school-age
children and warned him to stop defending people accused of homosexuality. A
subsequent email message to Togue warned, "In this country there is no place
for faggots and their defenders." The sender attached photos of Togue's
children leaving their school building. An email message to Nkom stated, "If
you don't stop ['renoncer'], you'll see." The email reiterated the threats to
Togue's children, warning Nkom, "This will be bloody." It also threatened Nkom'
s children.

"Cameroonian authorities should immediately investigate to find out who is
threatening these courageous human rights defenders," said Neela Ghoshal,
researcher in the Lesbian, Gay, Bisexual, and Transgender (LGBT) Rights Program
at Human Rights Watch. "The government should make clear to the public that
everyone has a right to defense, and that threats against defense attorneys
will not be tolerated."

Cameroon is one of a handful of countries that aggressively prosecutes
consensual same-sex intimacy. Article 347 bis of Cameroon's penal code
criminalizes homosexuality, punishing "sexual relations with a person of the
same sex" with sentences ranging from six months to five years. At least four
Cameroonians are serving prison sentences on homosexuality charges. Nkom and
Togue are representing them in appeals of their convictions. At least one other
Cameroonian is in pretrial detention on the basis of the same article. Justice
Ministry records show that in 2011, 12 of 14 people prosecuted for
homosexuality were convicted.

Human Rights Watch research conducted in Cameroon in October found that many
homosexuality cases are marked by compounded violations of due process rights,
including denying suspects the right to legal counsel during the investigation
phase. Prosecutors and courts have relied on flimsy evidence, such as the
possession of condoms and lubricant in one case, or the type of alcoholic
beverage preferred by a suspect in another, as "proof" of homosexuality.

The homophobic climate in Cameroon, reinforced by government policy,
contributes to a hostile environment for lawyers and other human rights
defenders protecting the rights of LGBT people and of people suspected of
homosexuality. Lawyers representing clients in homosexuality cases are
regularly denounced in the media, with the lawyers' own sexual orientation
called into question. Nkom has previously been warned by fellow lawyers, as
well as by the former minister of justice, to stop her activities.

The recent threats of violence against Nkom and Togue and their children take
the climate of hostility to a new level, Human Rights Watch said. Togue filed a
complaint at the regional division headquarters of the central judicial police
on October 18, 2012, while Nkom filed a complaint with the Prosecutor of the
Republic on October 23. Cameroon should investigate the senders of the email
messages, which originate from a Gmail address, and the text messages, which
originate from two different numbers linked to MTN and Orange network SIM
cards, Human Rights Watch said.

The government of Cameroon has failed to respond effectively to previous
attacks on LGBT people and their supporters, and in some cases, government
actions have inflamed hostility against LGBT people. In February, police in
Douala arrested a young man, accused him of homosexuality, and made him
denounce the organization Alternatives-Cameroun on television in exchange for
his release. The denunciation and ensuing public hostility forced the
organization, which provides HIV-AIDS services to men who have sex with men
(MSM), to suspend its activities.

In March, authorities in Yaoundé illegally shut down a workshop on the rights
of sexual and gender minorities, in violation of the rights to freedom of
association and expression. Several months later, also in Yaoundé, a mob
violently attacked a gathering in celebration of the International Day against
Homophobia, organized by groups that provide services to LGBT people.

Cameroonian authorities regularly arrest and prosecute people on the basis of
their alleged sexual orientation, in violation of Cameroon's international
human rights commitments. The Association for the Defense of Gays and Lesbians,
in Douala, has documented at least 51 arrests on the basis of article 347 bis
since 2008. Police, gendarmes, and prison guards have also used violence
against people suspected of homosexuality in several cases to extract
confessions, Human Rights Watch found in recent research in Cameroon.

The United Nations Human Rights Committee, in Toonen v. Australia(1994), ruled
that the criminalization of consensual same-sex conduct violates the
International Covenant on Civil and Political Rights, specifically, the right
to privacy and the right to non-discrimination. According to the United Nations
Working Group on Arbitrary Detention, arrests on the basis of sexual
orientation are, by definition, human rights violations.

"Cameroon should respect its own constitutional guarantees of equality and
stop arresting people on the basis of same-sex conduct between consenting
adults," Ghoshal said. "But as long as such arrests take place, the government
should ensure that defense lawyers are able to safely perform their duties, and
that the accused are guaranteed the right to a fair trial."


Fonte: http://www.hrw.org/news/2012/10/24/cameroon-investigate-threats-against-
rights-lawyers

Pubblicato da Lorenzo Bernini

C’è anche un Islam che dialoga con omosessuali e trans

Rouba Morcos è palestinese. Rouba Morcos è lesbica. Porta sulle sue spalle il
peso di oppressioni stratificate. Rouba è tra le fondatrici di Aşwa Nisā
Filastiniyyāt miliyātt (voci di donne lesbiche palestinesi) e ha dichiarato:
«Avevo dimenticato la mia lingua, non sapevo come dire fare l'amore in arabo,
senza che queste parole suonassero scioviniste, aggressive e aliene rispetto
alla mia esperienza».

Rouba insieme a tante persone del mondo Lgbt arabo e iraniano hanno capito che
ricercare i diritti è anche lavorare sul linguaggio. Le parole feriscono,
umiliano e in certi casi uccidono. Rouba lo sa e per questo nelle sue lotte per
l'affermazione dei diritti del mondo Lgbt ha messo il linguaggio al primo
posto. L'attivista palestinese è solo una delle persone che si incontrano nella
lettura di "Che genere di Islam, omosessuali, queer, transessuali tra shari'a e
nuove interpretazioni" di Jolanda Guardi e Anna Vanzan (Ediesse).

Le autrici, saggiamente, non hanno voluto salire sul carrozzone di chi
considera l'Islam omofobico e sono state altrettanto intelligenti da non
dichiarare che invece l'Islam è tollerante o addirittura gay friendly. Si sono
sottratte alla logica della tifoseria pro e contro, molto tipica di quando si
parla di mondo arabo o iraniano. E ci hanno regalato un libro in cui la storia
dell'omosessualità nelle società islamiche è trattata con serietà e
complessità.

I testi di satira denigratori vengono analizzati dalle due autrici accanto a
storie d'amore strappalacrime che la letteratura ha saputo magistralmente
raccontare. Ne è un esempio infatti la storia tra il sultano Mahmud di Ghazna,
conquistatore di imperi, e il suo schiavo Ayaz. Si scopre, andando avanti nella
lettura, che nella poe- sia di donne per donne la cucina è più seducente di un
talamo nuziale.

Ed è lì, nella cucina, che la noce moscata grattuggiata o la mandorla
scorticata evocano pratiche erotiche tutte al femminile per il femminile. Ma
accanto a storie e facezie ci sono momenti di pura riflessione. Guardi e Vanzan
danno ampio spazio al dibattito che coinvolge chi oggi nel mondo musulmano
vuole conciliare la fede con la propria identità omosessuale/transessuale
partendo dalla reinterpretazione dei testi sacri. Una teologia della
liberazione che lavora sul corpo e la lingua della società.

Poi in questa densa trattazione del tema non mancano certo i paradossi. La
storia di Fareydûn Molkārā ha fatto scuola in questo senso. Fareydun. Un
operatore televisivo iraniano, denunciava pubblicamente il suo disagio di
sentirsi una donna intrappolata nel corpo di un uomo. Per questo ha chiesto
pubblicamente al vate della Repubblica Islamica Khomeini di poter cambiare
sesso. Khomeini si era espresso negli anni '60 a favore di quella che veniva
chiamata allora chirurgia correttiva. Fareydun quindi riesce a coronare il suo
sogno e ancora oggi – pur se inquadrati in una cornice di "malattia" – i trans
iraniani possono non solo cambiare sesso, ma lo fanno con un contributo
finanziario dello stato.

Questo però in Iran si accompagna alla pena capitale per gli omosessuali colti
o solo sospettati di atti promiscui. «Nel nostro paese non ci sono omosessuali»
ha dichiarato più volte il presidente della repubblica islamica Mahmud
Ahmadinejad, una frase che forse è il paradosso più grande che incontriamo
nello scorrere le pagine di "Che genere di Islam". È un libro senza risposte
quello di Guardi e Vanzan, ma sul tema (anche grazie al nutrito apparato
critico fatto di bibliografia, filmografia e note esplicative) è tra i più
esaurienti e seri apparsi nel panorama editoriale italiano sul tema in
questione.

Fonte: http://pubblicogiornale.it/mondo/ce-anche-un-islam-che-dialoga-con-i-
gay/

Pubblicato da Lorenzo Bernini

Nigeriano ottiene asilo: nel suo paese è perseguitato perchè gay

Il ventisettenne originario di Otu Ocha, adesso è un uomo libero e con il permesso di soggiorno. In Nigeria è stato esiliato dal suo villaggio e pure picchiato

di VINCENZO FALCI

CALTANISSETTA. Ottiene lo status di rifugiato politico in Italia perché gay. L'omofobia nel suo paese d'origine, la Nigeria, lo rendeva un «perseguitato». La sentenza, emessa dal tribunale civile di Caltanissetta rappresenta una sorta di spartiacque.

E così lui, Oba (ma non è il suo vero nome, per tutelarne la privacy), ventisettenne originario di Otu Ocha, adesso è un uomo libero e con il permesso di soggiorno. Libero dal pregiudizio ma, soprattutto, dalla persecuzione che ha subito nel continente africano. Da dove è fuggito un paio di anni fa, dopo essere stato pure picchiato, perché schiacciato dal peso dei tabù. Lì, in
Nigeria, assai più opprimenti che nel «vecchio continente», quasi un divieto sacrale, e non solo per una questione pregiudiziale. Tanto da essere stato esiliato dal suo villaggio nativo, Umuleri. Una condizione, la sua, che nel suo Paese non è solo asfissiante, ma pericolosa al punto tale da esporlo a fortissimi rischi.

Eppure, in Italia, Oba s'era già visto negare lo status di rifugiato in forza della convenzione di Ginevra. È stata la Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Siracusa a dirgli di no con il provvedimento emesso il 30 agosto dello scorso anno. Ma il ragazzo quel provvedimento che gli ha negato il riconoscimento della protezione
internazionale lo ha impugnato. E, assistito dall'avvocato Giovanni Annaloro, s' è rivolto al Tribunale civile di Caltanissetta, che adesso gli ha dato ragione, segnando una svolta decisiva nella vita del ragazzo. Che grazie al pronunciamento del giudice Gaetano Mario Pasqualino ha coronato il suo sogno.

Discriminazione per le tendenze sessuali e «carenza di motivazione della decisione» hanno alimentato il ricorso del giovane Oba. Il giudice, nel motivare la decisione ha ritenuto che «nel merito le doglianze mosse dal ricorrente sono fondate, tenuto conto del fatto che il ricorrente ha riferito di essere espatriato per il timore di essere perseguitato». Il giovane ha raccontato di essere stato cacciato dal suo villaggio per le sua omosessualità e di essersi trasferito, nel 2005, a Port Harcourt dove ha lavorato fino al 2010 quando è fuggito perché gli è stata tesa un'imboscata. È stato scoperto durante un rapporto omosessuale con un ragazzo, complice degli assalitori che lo hanno poi pestato a sangue. E tra le pieghe del suo ricorso al giudice, Oba ha gridato a gran voce di temere per la sua vita, se rimpatriato. Perché la Nigeria «considera illegale e penalmente perseguibile una relazione tra persone dello stesso sesso». Così, il tribunale, accogliendo la tesi dell'avvocato Annaloro, ha riconosciuto che il diniego dello status di rifugiato avrebbe «violato un diritto fondamentale sancito dalla Costituzione e dalla carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea».

Pubblicato da Lorenzo Bernini

LGBT Community Faces Challenges in Traditional Burmese Culture

In Burma, being LGBT is still not accepted in society. Hopefully, while the LGBT community gains visibility and support throughout the world, the attitudes in Burma will also begin to change little by little. Burmese LGBT groups express their hope that one day they will not have to hide in the shadows anymore.

Gender oppression and LGBT discrimination are widespread issues in Burmese culture. 50 years of military rule suppressed any attempts to address the subjugation of LGBT and women. Currently, LGBT groups cannot operate in public for fear of arrest and abuse. Under Section 377 of the Burmese Penal Code, same- sex behavior is criminalized with a punishment of up to 10 years in prison. The law also allows for the harassment and intimidation of suspected offenders. LGBT groups have only recently begun to form in Burma. One such group, Colours
Rainbow, produces monthly TV episodes on LGBT issues which are broadcast online. The episodes cover the activities of LGBT groups, interviews, and LGBT news in Burma and around the world.

The organization estimates that the episodes have a viewership of around 3,000 people in Burma, but the availability is limited—only 25 percent of Burmese have access to electricity, and a similarly small number have internet access. The organization also has a magazine called Colours Rainbow which it publishes once every three months and distributes for free throughout Burma.

Oppression against LGBT in Burma has produced a public health and human rights
crisis. UNAIDS states that 240,000 people in Burma, or 0.6 percent of the population, are infected with HIV/AIDS. Of those, less than 20 percent have received proper medical treatment. This is partly due to the Burmese government's blocking of international aid efforts.

Compared with Thailand, Burma is particularly conservative on the concept of gender. A common belief in Burma is that being gay is a result of bad karma from sins committed in a past life. Some gay youth are sent to monasteries to "correct" their sexual orientation, while lesbians face a risk of being raped as a "corrective remedy."



Pubblicato da Lorenzo Bernini

DIVINITA', TRADIZIONE E PROSTITUZIONE TRA GLI HIJRAS

di Eva Czerkl

Né eunuchi, né transessuali in realtà, né travestiti, né semplicemente
omosessuali, le hijras sono soltanto hijras.
Anime femminili in corpo maschile, il terzo sesso, essi sono parte della
cultura indiana sin dai tempi antichi e, come tale, seguono precise
prescrizioni e rituali, appartenendo tutti a una stessa comunità.
Hijras è la parola Urdu che significa ermafrodita. Loro si definiscono nè uomo
nè donna e in testi piuttosto antichivengono considerati come il risultato
della parità tra le forze generatrici del padre e della madre.
Nel caleidoscopico mondo indiano ogni sfumatura viene codificata, ma non per
questo meno discriminata. In testi posteriori già si sancisce che, chi nasca
Hijra, non possa ereditare proprietà, non possa condurre i riti e i sacrifici
propri dei figli maschi e che debba essere espulso dalla comunità castale di
nascita.
Oggi, a causa della loro condizione, è inoltre precluso loro l'accesso agli
studi, al lavoro, al passaporto e persino a soltanto un conto bancario. E'
invece recentissima la modifica applicata dalla Commissione elettorale indiana
alle liste di iscrizione che permetterà loro di votare.
Le transessuali indiane trovarono la loro collocazione sociale rispecchiando
alcune divinità androgine e si distinguono dai semplici omosessuali maschi,
conosciuti come Zenana, donna, o Anmarad, non uomo, che mantengono la loro
identità formale maschile nella società, soprattutto da quando la legislazione
coloniale britannica, in via di revisione, sancì nel 1861 la punibilità
dell'omosessualità con pene severe. Le Hijras invece abbandonano la famiglia di
nascita, rinunciano alla sessualità maschile, assumono nome, abbigliamento e
identità femminili.

Molto raramente, ormai, viene praticata loro una castrazione rituale e
totale, che li trasformava, da maschio impotente, in una nuova e potenzialmente
poderosa persona. Offrendo alla loro divinità protettrice i loro genitali,
confidavano di ricevere una straordinaria virilità nelle loro prossime sette
esistenze, ma non sempre questa pratica era volontaria. Sono considerate
sacerdotesse della dea Bauchara Mata, qualunque fosse la loro religione di
provenienza. Nel Tamil Nadu, a Koovagam, si trova il tempio principale delle
Hijras. Qui annualmente si svolge una celebrazione durante la quale le Hijras
di tutto il paese si riuniscono e ritualmente rappresentano il loro matrimonio
con Krishna, manifestazione del dio Vishnu. Al giorno seguente ne piangono la
morte.

Come Shiva, che secondo la mitologia lanciò sulla terra il suo pene amputato
estendendo così il suo potere sessuale all'universo - da cui il culto del
Lingam, pene, nei templi a lui dedicati - così anche le Hijras hanno potere di
apportare fertilità agli altri con la loro benedizione. Gruppi di Hijras si
presentano cantando e ballando alle celebrazioni che si tengono per la nascita
di un figlio maschio, augurando al piccolo virilità e, di conseguenza, la
capacità di continuare la sua stirpe. Ricevono in cambio doni in denaro ma,
spesso, questi sono elargiti proprio perchè si decidano ad allontanarsi, poichè
facilmente creano imbarazzo con le loro allusioni scandalose, i gesti osceni e
gli scherzi pesanti. La stessa cosa si verifica nella casa di uno sposo che si
appresta a raggiungere la sua promessa per contrarre matrimonio. Le Hijras sono
considerate ad un livello sociale inferiore anche ai comuni intoccabili;
tuttavia, il timore popolare di ricevere una maledizione in ambito sessuale e
procreativo permette generalmente loro di sopravvivere in pace nel contesto
sociale.

La comunità delle Hijras funziona come una casta: hanno proprietà comuni, case
nelle quali vivono insieme creando nuove parentele fittizie. Si suddividono in
sette sottocaste nazionali derivanti da altrettanti avi simbolici, con
rappresentanti nazionali e regionali ed un consiglio degli anziani. Esiste
inoltre una gerarchia tra discepole e guru ed è, come di consueto, prevista
l'espulsione dalla comunità in caso di disobbedienza alle regole di casta.

La memoria dell'antico ruolo di "sacerdotesse" e prostitute sacre - o di
eunuchi di corte in contesto islamico - è oggi sempre più messa in ombra
rispetto alla necessità di mendicare e di prostituirsi. Soltanto nelle comunità
chiuse, dove viene ricostituita la cellula familiare formata dalla guru-maestra
e dalle chela-discepole, o durante la loro grande festa annuale, si possono
ritrovare i riflessi di uno splendore che pare ormai definitivamente perduto.
La Guru svolge oggi semplicemente funzioni di protettore, alla quale le
discepole devono versare i guadagni ottenuti con la prostituzione.

Attualmente molte Hijras sono politicamente attive riguardo all'emergenza
rappresentata dal diffondersi del virus HIV e nella lotta per i diritti degli
omosessuali. Nel 2000 una Hijra, Asha Devi, venne eletta sindaco di una città
di media grandezza, Gorakhpur, nell' Uttar Pradesh.

Fonte: http://www.facebook.com/notes/eva-czerkl/divinita-tradizione-e-
prostituzione-tra-gli-hijras/374022002676713

Pubblicato da Lorenzo Bernini

Spazi in migrazione - Cartoline di una rivoluzione. Presentazione libro

UNIVERSITA' AGLI STUDI DI VERONA  -  SPORTELLO MIGRAMTI LGBT VERONA

Lunedì 29 ottobre 2012 – ore 10.10-11.50
aula 1.1 – polo Zanotto (via S. Francesco 22, Verona)


Presentazione del libro

Spazi in migrazione Cartoline di una rivoluzione
a cura di Federica Sossi (ombrecorte, Verona 2012)

La curatrice Federica Sossi e l’autrice Paola Gandolfi discutono
con Livia Alga e Lorenzo Bernini (Università di Verona – Sportello migranti lgbt-Verona)

UNITA IN FRANCIA, OTTIENE IL PERMESSO DI SOGGIORNO IN ITALIA

Per la prima volta in Italia una ragazza che ha sottoscritto un PACS in Francia
con un'italiana, ha ottenuto il permesso di soggiorno come famigliare di
cittadina europea dalla Questura di Milano. "Anche le coppie dello stesso sesso
che hanno un'unione civile celebrata all'estero posso ottenere il permesso di
soggiorno in Italia", dicono dall'associazione radicale Certi Diritti che ha
reso noto l'episodio.


"Le leggi sulla libera circolazione in Europa restano l'unica possibilità per
riconoscere in Italia, almeno per quanto riguarda il soggiorno, il diritto per
le coppie miste dello stesso sesso a non essere discriminate. Fino a oggi le
istanze sono state presentate da coppie omosessuali che, sposate all'estero,
hanno deciso di vivere in Italia, ma la normativa europea è chiara e comprende
l'inclusione di ogni tipo di unione debitamente attestata dallo Stato del
cittadino dell'Unione".

Il caso specifico riguarda una ragazza proveniente dalle Seychelles che si è
"pacsata" con un'italiana e che da oggi può vivere ufficialmente con la partner
nel nostro Paese. "Questo - dicono da Certi Diritti - è un esempio evidente di
come la normativa europea sempre più entri a far parte del nostro ordinamento
per quanto riguarda la tutela dei diritti fondamentali del cittadino".

"Fatima e Manuela, che si sono rivolte alla rete del Progetto IO (Immigrazione
e omosessualità) di Milano, con il supporto dell'Associazione radicale Certi
Diritti, sono entrate a far parte a pieno titolo del cammino che le persone
LGBTI hanno intrapreso per giungere all'approvazione del matrimonio civile
egualitario in Italia, che rimane l'unico modo rimuovere definitivamente tutte
le discriminazioni che ancora colpiscono tutte le coppie omosessuali. È
incredibile che, ancora nel 2012 - concludono i radicali - il desiderio di
queste persone di vedere riconosciute le proprie coppie e la loro felicità nel
vivere liberamente la propria vita familiare scateni le ire di politici codini
o baciapile".


Fonte: http://www.gay.it/channel/attualita/34316/Unita-in-Francia-ottiene-il-
permesso-di-soggiorno-in-Italia.html

Pubblicato da Lorenzo Bernini

Joburg Pride was nothing to be proud of

Nikita Ramkissoon

There was not much to be proud of at this weekend's Joburg Pride, in light of
the treatment of One in Nine campaigners at the hands of pride organisers and
officials.

Protesters from the national solidarity campaign were calling for one minute
of silence to honour and mourn those who have been killed because of their
sexual orientation and gender expression, but they were ignored by Pride
participants and assaulted.

Joburg Pride is a day which the city of Johannesburg and the country should be
proud of. Our constitution is one of the most liberal in the world, protecting
homosexuals from any sort of discrimination.

But the disturbing reality –which most people refuse to acknowledge – is that
this is merely on paper. We have people seeking to take that freedom from us
all the time. Be it a member of the public or political or religious leaders
requesting that the hate crime clause in the constitution excludes sexual
orientation.

Despite this knowledge, the supposedly open-minded festival was turned into a
battleground of discrimination and ignorance. It was disgusting.

The One in Nine protesters were called names and told to go back to the
township. Some were stepped on. Some were sworn at. One person I know was told
that she's an embarrassment to gay people. The were told to f**k off for
'ruining the march'.

As much as gay rights are supported by our constitution, it does not mean that
gay people are free. The 'pinkwashed' participants in the Pride march on
Saturday are living proof that there is a huge discrepancy between the
struggles of middle to upper-class gay community and the lower class gay
community - as well as the white and black communities.

In fact, the lower class does not have a gay community. It is – by and large –
the community against gays.

The de-politicisation of such a festival is disturbing, because it has become
a mere party for people who are out and proud, not an act of protesting against
discrimination, and protest against the fact that unlike the (mostly white)
liberal minority, there are (mostly black) people who suffer – sometimes with
fatal consequences – at the hands of their homophobic communities.

A different sort of apartheid is alive and –literally – kicking in the gay
community.

The personal choice to be outwardly gay as opposed to secretly is a political
act, defying society and narrow-mindedness. The choice to ignore the plight of
a fellow member of this community is a political statement, saying loud and
clear that you don't care.

Most gay people I know are university graduates whose families have accepted
their sexuality, even if it was reluctantly at first.

They have support of friends, of the company they keep and the safety of a
fairly good financial and social standing.

Our women in townships are far less fortunate. Some are beaten. Some are
raped. Some are killed. Just for being lesbian, or even on the 'suspicion' of
being lesbian.

Just like straight people should be fighting for gay rights, it's also up to
the Pride community to lend a hand and voice to these women who cannot speak
for themselves.

The fact that they were unwilling to do so, and hostile about it, on Saturday,
is disappointing, and proof that Pride is just not good enough for the
upliftment of gay rights.

In a society where people are more willing to protest against a painting than
the state of education, where some men see it fitting that a woman is raped if
she wears a short skirt, where police ignore cases of domestic violence because
they believe there is no such thing, where homosexuals are denied adoptions and
sometimes healthcare, where upgrading a president's house is considered more
important than service delivery, and where government and police are not held
accountable for their actions, is it not our responsibility to take care of
each other?

Yes, it is.

However, this is not the case for Pride. Yes, we need the Pride march as an
affirmation that gay rights are human rights. But what this year's march showed
that some people's gay rights are considered more important than others.

It's a case of 'if you can't see them, the problem isn't there'.

Organisers and marchers refused to see the reality of the women who are far
less fortunate than them, and turned a blind eye or turned hostile toward this
reality presented to them. The suffering of others is ignored for a mere now
quite insignificant parade, which has proven to make no difference.

They did not want their pretty pink parade marred by people presenting a harsh
truth.

People forget how lucky we are in South Africa. In Uganda, you get the death
penalty for being gay. Gay marriage is being contested in the US – the supposed
land of the free. Not to mention other countries where being gay is not just a
crime, it's a reason for the government to hunt you down.

With the good fortune we have in South Africa in terms of gay rights, is the
openly gay community so blinkered to the plight of people less fortunate than
them that they have to discriminate against them?

Was a minute of silence and solidarity too much to ask?

The gay community need to look beyond the end of their own noses and smell the
reality of people who are unable to show their pride.

These people need all the support they can get, and it's up to the privileged
to give it to them.

It's utterly disgusting that Pride refused to do this, and not only ignored
the call for a minute of silence, but assaulted the ones asking for action.

The apathy of Saturday's march under the guise of proactivity stinks, almost
as much as the hate crimes themselves, and the organisers and participants
should be ashamed. Pride – in gayness and humanity – is seriously lacking here.
Joburg Pride has nothing to be proud of.


Fonte: http://www.timeslive.co.za/opinion/2012/10/08/joburg-pride-was-nothing-
to-be-proud-of

Pubblicato da Lorenzo Bernini

Orlando Cruz becomes boxing's first openly gay man

1October 3. 2012 - by Bob Velin, USA TODAY Sports

Featherweight boxer Orlando Cruz, from Puerto Rico, has become the first
openly gay man in the sport's history, describing himself Wednesday as a "proud
gay man."

Cruz (18-2-1, 9 KOs), the No. 4-ranked featherweight by the WBO, said, "I've
been fighting for more than 24 years and as I continue my ascendant career, I
want to be true to myself.

"I want to try to be the best role model I can be for kids who might look into
boxing as a sport and a professional career. I have and will always be a proud
Puerto Rican. I have always been and always will be a proud gay man."

Cruz, 31, began boxing at age 7, and his amateur career culminated in his
selection to the 2000 Puerto Rican Olympic Team in Sydney. His teammates
included former world champions Miguel Cotto and Ivan Calderon.

Cruz debuted as a professional in 2000 and won his first world title (vacant
IBA, a lesser title) on March 22, 2008. His next fight is Oct. 19 in Kissimmee,
Fla., when he will defend his WBO NABO title against Jorge Pazos. A win could
put Cruz in line for a major title shot.

Emile Griffith, a welterweight and middleweight champion who fought in the
'50s and '60s, came out after his career had ended, saying in a Sports
Illustrated story that he was bisexual. Griffith, 74, is still alive but
suffers from pugilistic dementia.


Fonte: http://www.usatoday.com/story/gameon/2012/10/03/orlando-cruz-is-boxings-
first-openly-gay-man/1612095/

Pubblicato da Lorenzo Bernini

Regolarizzazione. Interpretazione allargata per la prova di presenza

Vanno bene schede telefoniche, tessere di mezzi pubblici e altri documenti
rilasciati da privati che svolgono "una funzione, un'attribuzione o un servizio
pubblico". L'Avvocatura di Stato sposa la "linea Riccardi", dando finalmente
una chance a molti lavoratori stranieri

di Elvio Pasca

Roma – 4 ottobre 2012 – Certificati medici e multe, certo, ma anche schede
telefoniche, abbonamenti a mezzi pubblici o attestazioni di centri di
accoglienza o di ricovero. Si allunga, e di molto, la lista dei documenti che
possono attestare la presenza in Italia almeno dal 31 dicembre 2011 e che sono
indispensabili per la regolarizzazione.

Tardi, forse troppo, alla fine il chiarimento è arrivato. E per fortuna ha
vinto la linea Riccardi, quell' interpretazione più estensiva di "organismo
pubblico" caldeggiata dal ministero dell'integrazione che finora doveva
vedersela con le chiusure dai ministeri del lavoro e dell'Interno. A metterlo
nero su bianco è un parere reso oggi al governo dall'Avvocatura Generale dello
Stato, (l'organo di consulenza giuridica dello Stato) che potrebbe far
impennare nei prossimi (pochi) giorni le domande di regolarizzazione.

Chi sono, si chiede innanzitutto l'Avvocatura, i destinatari della
regolarizzazione? "Stranieri, con posizione di irregolarità nel territorio
nazionale e che pertanto, difficilmente possono vantare contatti e (quindi)
documentazione rilasciata da un'amministrazione o da un ente pubblico" si legge
nel parere. E già questa sembra un'implicita bacchettata alla scelta di far
certificare da un "organismo pubblico" la presenza del clandestino in Italia.

Dopodiché arriva l'interpretazione della nozione di "organismo pubblico".
Scrive l'Avvocatura: "La ratio sottesa all'adozione del più ampio termine di
"organismi pubblici" è proprio quella di includervi anche soggetti pubblici,
privati o municipalizzati che istituzionalmente o per delega svolgono una
funzione o un'attribuzione pubblica o un servizio pubblico".

Interessantissima, a questo punto, è la lista di esempi di documentazione da
ritenere valida. Perché comprende "la certificazione medica proveniente da
struttura pubblica" così come "il certificato di iscrizione scolastica dei
figli del lavoratore", ma "tessere nominative dei mezzi pubblici;
certificazioni provenienti dalle forze pubbliche quali sanzioni stradali,
amministrative, multe di ogni genere, ecc; titolarità di schede telefoniche di
operatori italiani (quali Tim, Vodafone, Wind, 3 ecc…); centri di accoglienza
e\o di ricovero autorizzati o anche religiosi".

Alcuni di questi documenti non arrivano da amministrazioni pubbliche, ma, nota
l'Avvocatura dello Stato, sono comunque rilasciati "da soggetti che erogano
servizi e/o intrattengono relazioni di carattere lato sensu pubblico, e ciò
indipendentemente dalla condizione di regolarità dell'utente". Dare un'
interpretazione diversa, ammonisce il parere, "significherebbe contrastare la
volontà del legislatore".

Nello stesso parere ci sono anche altri due chiarimenti su prove fornite prima
del 31 dicembre 2011 da autorità pubbliche non italiane: il timbro Schengen di
un altro Paese apposto sul passaporto del lavoratore (è il caso di chi è
passato per altri Paesi europei prima di arrivare in Italia), e la
documentazione rilasciata da rappresentanze diplomatiche o consolari in Italia.

Il timbro, da solo, non basta. Può infatti "attestare soltanto la presenza
dello straniero, a quella data, nel territorio Schengen, non anche nel
territorio nazionale".Va quindi accompagnata da altra documentazione rilasciata
da "organismi pubblici", sempre nella vasta interpretazione data sopra.

Via libera, invece, ai documenti dei consolati. "Si tratta , infatti di
documentazione proveniente comunque da Autorità pubbliche, sebbene non
nazionali, rilasciata però nel territorio nazionale e ciò non può che far
supporre la presenza del destinatario nel territorio nazionale".


Fonte: http://www.stranieriinitalia.it/attualita-regolarizzazione.
_interpretazione_allargata_per_la_prova_di_presenza_15928.html

Pubblicato da Lorenzo Bernini

Lella Costa per la sospensione del gemellaggio tra Milano e San Pietroburgo



Pubblicato da Lorenzo Bernini

Se questo è un uomo. Rifugiati a Milano

di Rosamaria Vitale

A Milano e provincia ci sono circa 5000 rifugiati. La metà è arrivata con l'
Emergenza Nord Africa nel 2011. Il capoluogo lombardo offre loro varie
possibilità. Una è la strada, specialmente tra primavera e ottobre. Poi, quando
diventa difficile vivere all'addiaccio, comincia il Piano Antifreddo,
operazione in cui il Comune di Milano ha messo a disposizione circa 1200 posti
letto. L'accesso a tali posti letto è filtrato dal Centro di Aiuto gestito del
Comune di Milano ed un letto lo si trova quasi sempre, per tutti, fosse pure
nei mezzanini della metropolitana. Ci sono rifugiati che passano da un piano
antifreddo all'altro, per anni, senza mai essere riusciti ad inserirsi da un
punto di vista psico-sociale- lavorativo. Al loro arrivo erano ragazzi
baldanzosi, sani, pieni di speranze ed aspettative, ma con il passare del tempo
si sono ammalati, hanno perso ogni punto di riferimento ed ogni legame
affettivo con le loro famiglie al paese di origine, diventando nel giro di
pochi anni depressi, alcolisti, muti e solitari, ma soprattutto senza alcun
futuro se non quello della strada.

In questa analisi è importante comunque distinguer due tipi di richiedenti
asilo: quelli dell'Emergenza Nord Africa e tutti gli altri. Come abbiamo detto,
a Milano e provincia sono state accolte 2500 persone nel periodo maggio-
dicembre 2011. Si tratta di uomini, donne, bambini, provenienti dalla Libia,
che fanno parte di un progetto gestito dalla Protezione Civile per conto del
ministero degli Interni. Essi, nati nei paesi dell'Africa Sub Sahariana o in
Bangladesh, erano emigrati da anni in Libia per lavoro. Nessuno di loro ha
scelto di venire in Italia. Hanno avuto vicissitudini del tutto particolari e
al 31 dicembre, quando saranno sospesi i finanziamenti da parte del ministero
degli Interni, saranno tutti sulla strada. Si calcola che solo l'8% tra di loro
abbia avuto il permesso di soggiorno, per motivi umanitari o sussidiari; per
tutti gli altri rimane solo la clandestinità. Essi sono stati ospitati durante
questo periodo in luoghi più o meno idonei, trattandosi di un emergenza. Perciò
sono stati riempiti alberghi, nei paesi dell'hinterland milanese (ma anche in
tutte le altre provincie); il Residence di Pieve Emanuele per esempio ne ha
ospitati 400, per più di un anno, più o meno abbandonati a sé stessi. Tra di
loro abbiamo visto parecchi alcolisti, qualche spacciatore, un esperto in
traffico di esseri umani.

Per loro la retta pagata dal ministero era, come per tutti gli altri, di 46
euro al giorno. Anche piccole parrocchie e associazioni legate al Comune di
Milano hanno offerto loro ospitalità, e lì sono stati accuditi sempre con
attenzione. A Milano però sono stati i dormitori gestiti da fondazioni del
privato sociale a mettere a disposizione il maggior numero di posti; si tratta
di luoghi di accoglienza improvvisati, utilizzati come emergenza, spesso in
situazioni al limite dell'umano. «Veniamo trattati come bestie», è una frase
che si sentiva ripetere spesso, da chi ha vissuto per 18 mesi in quei luoghi.
Ed era vero: le stanze erano sovraffollate e gli operatori non avevano alcuna
professionalità. Si trattava infatti di ragazzi provenienti dal Marocco o dal
Kosovo, essi stessi ospiti del dormitorio, molto problematici già per conto
loro e del tutto inidonei a svolgere tale ruolo perché incapaci di relazionarsi
con chicchessia. Pulci e zecche non risparmiavano nessuno, il cibo, spesso
scaduto, provocava diarree e vomiti in continuazione, parlare con l'unica
assistente sociale, se c'era, diventava un terno al lotto. I migranti
provenienti dal Nord Africa che per loro sfortuna sono finiti nei dormitori di
questo tipo hanno avuto una vita durissima, tra ribellioni inutili e
sottomissioni obbligate.

Per tutti gli altri richiedenti asilo, provenienti soprattutto da Afghanistan,
Pakistan, Eritrea, Somalia il percorso di integrazione è invece molto più
tutelato, essendo sotto la responsabilità diretta del Comune di Milano,
attraverso l'ufficio di Via Barabino, dove vengono accolte tutte le richieste.
L'ufficio è gestito da operatori professionalmente competenti e umanamente
disponibili, che seguono ogni richiesta con scrupolosa attenzione. Non è sempre
facile neanche per loro, programmare il percorso di accoglienza e integrazione;
i posti disponibili a Milano per i richiedenti asilo e rifugiati sono solo 480,
distribuiti su 5 centri Sprar (Sistema di Protezione per Richiedenti asilo e
rifugiati ). Uno di tali centri, in via Sammartini, è riservato a donne e
bambini. La gestione dei centri è affidata alla Cooperativa Farsi Prossimo e la
parte medica dell'Accoglienza è affidata all'associazione Medici Volontari
Italiani. Nei Centri Sprar gli ospiti possono stare per 10 mesi e vengono
seguiti da educatori, assistenti Sociali e infermieri che fanno da tramite con
il medico e gli ospedali. Viene dispiegato il massimo impegno affiché alla fine
della sua permanenza nel centro il rifugiato sia in grado di gestire la propria
vita con una certa autonomia, cioè conosca l'italiano, sia iscritto al Servizio
Sanitario Nazionale, abbia un lavoro e sappia dove andare a vivere. Non tutti,
ovviamente, riescono in questo programma poiché i fattori individuali hanno il
loro peso, e così pure i fattori sociali, comunque si può dire che circa l'80%
di chi esce da tali centri può guardare al futuro con una certa serenità.

Milano offre quindi una panoramica molto eterogenea per quanto riguarda la
vita di richiedenti asilo e rifugiati; si va dalle condizioni inumane in cui
sono costretti a vivere in qualche dormitorio, pochi per la verità, dove anche
i controlli vengono mistificati, ad una accoglienza di buon livello,
controllata dal Comune, dove essi si sentono accuditi e protetti, come
spetterebbe di diritto non solo ai richiedenti asilo e rifugiati ma ad ogni
essere umano. A volte, in certi luoghi così detti "d'accoglienza" viene
spontaneo chiedersi dove siano le istituzioni, la prefettura, la questura, l'
Alto commissariato Onu per i rifugiati. Nessun essere umano dovrebbe vivere in
condizioni così inumane, eppure succede.

Fonte: http://www.corriereimmigrazione.it/ci/2012/09/se-questo-e-un-uomo-la-
vita-dei-rifugiati-a-milano/

Pubblicato da Lorenzo Bernini

Ahmadinejad : "la défense de l’homosexualité n’est qu’un calcul électoral de capitalistes"

La défense de l'homosexualité est l'affaire des capitalistes qui ne se
soucient pas des vraies valeurs humaines, estime le président iranien Mahmoud
Ahmadinejad. Il a tenu ces propos lundi dans un entretien à la télévision CNN.

Selon Mahmoud Ahmadinejad, l'homosexualité est « une conduite très laide » qui
selon lui a été condamnée « par tous les prophètes, toutes les religions et
toutes les croyances ».

Lors de son séjour à New York pour participer à l'assemblée générale de l'ONU,
le président iranien s'est moqué des hommes et partis politiques qui donnent
leur soutien aux gays et lesbiennes uniquement pour gagner « quatre ou cinq
voix de plus ».

Selon lui, la défense de l'homosexualité n'a rien à voir avec la défense du
développement humain. « Cette sorte de soutien à l'homosexualité est uniquement
ancrée dans les pensées des capitalistes endurcis et de ceux qui sont
favorables à l'accroissement du capital plutôt qu'aux valeurs humaines », a-t-
il déclaré par l'intermédiaire d'un interprète.

Le président Ahmadinejad, qui estime que l'homosexualité est acquise et non
innée, a esquivé la question sur ce qu'il ferait si l'un de ses trois enfants
était homosexuel.
« L'homosexualité met fin à la procréation », a-t-il ajouté.

Fonte: http://www.gaymaroc.net/2012/09/ahmadinejad-la-defense-de.html
Pubblicato da Lorenzo Bernini

À l'ONU, François Hollande a évoqué la dépénalisation de l'homosexualité

A la tribune de l'Assemblée générale des Nations-unies, le président français a
évoqué la question homosexuelle au plus haut niveau. Mais le Comité IDAHO n'est
guère enthousiaste…

PAR PAUL PARANT

C'est la première fois qu'un président français évoque la question
homosexuelle à ce niveau. Hier à New York, François Hollande prononçait à la
tribune de l'Assemblée générale des Nations-unies son premier discours de
président: il y a notamment souligné l'urgence pour la communauté
internationale d'agir en Syrie et au Sahel. Il a également rappelé l'engagement
de la France pour «les libertés fondamentales»: contre la peine de mort, pour
les droits des femmes… et pour la dépénalisation universelle de
l'homosexualité.
Celle-ci «ne peut pas être être reconnue comme un crime mais au contraire
comme une reconnaissance d'une orientation» (sic), a déclaré le président. On
se souvient que la France, lors de la présidence de Nicolas Sarkozy et alors
que Rama Yade était secrétaire d'Etat aux Droits de l'homme, avait porté une
simple déclaration en ce sens, signée par 67 pays dont les Etats-Unis.
Louis-Georges Tin «circonspect»
Reste encore à lancer un mouvement pour une résolution plus contraignante aux
Nations-unies. François Hollande ne s'est pas engagé jusque-là, hier. C'est
pourquoi Louis-Georges Tin, le président du Comité IDAHO (Journée
internationale contre l'homophobie et la transphobie) qui cherche à engager la
France dans cette voie, parle aujourd'hui de «signe considérable», mais
insuffisant de la part du président français: «Depuis le départ de Rama Yade du
Quai d'Orsay, notre pays se contente de suivre la voie menée par d'autres. Or,
on ne peut pas être leader et suiveur à la fois», regrette-t-il.
Louis-Georges Tin, qui a annoncé avoir fait une grève de la faim cet été pour
que la France impulse une telle résolution dès cette année, se dit
«circonspect» sur la volonté de la France d'avancer en ce domaine. Et alors que
certaines voix préfère que l'impulsion parte d'Afrique du sud, il constate que
ce pays «ne portera aucune résolution cette année»: «ceux qui avaient cru
benoîtement à ce mirage en seront pour leurs frais», lance-t-il.

Fonte: http://www.tetu.com/actualites/international/-lonu-francois-hollande-a-
evoque-la-depenalisation-de-lhomosexualite-22252

Pubblicato da Lorenzo Bernini

Adam et Ryan, la fuite de deux jeunes homosexuels

L'un vient de Tunisie, renié par sa famille, le second, du Maroc, où il n'a
jamais rien dit de son orientation sexuelle par crainte des réactions. Ils ont
trouvé un gîte et du soutien auprès de l'association Le Refuge, à Paris, où
Anouar les a rencontrés.

Il y a quelques semaines, j'ai rencontré Ryan et Adam* accompagnés d'Olivier,
le responsable du Refuge. Cette association vient en aide à des jeunes en
situation de rupture familiale ou en difficulté d'adaptation sociale du fait de
leur homosexualité. Ryan a une vingtaine d'années. D'origine marocaine, il est
venu en France au mois de septembre 2010 pour poursuivre ses études. Ce jeune
homme qui parle d'une voix posée est un musulman pratiquant et affirme faire
les cinq prières quotidiennes.


Depuis l'âge de 13 ans, il garde les choses pour lui, il a beaucoup de
craintes vis-à-vis de la société qui de famille et de la société. Ryan cache
son homosexualité à ses parents depuis toujours. « Au Maroc, si tu montres le
moindre signe, tu es jugé. » Néanmoins, il a la chance de grandir dans un
milieu aisé, ce qui lui permet d'être protégé. « Au lycée, on était vu comme
une élite. » Ayant conscience que son orientation sexuelle est proscrite dans
sa religion, il a tenté de lutter contre ses « vieux démons » en rencontrant
des jeunes filles, mais en vain. « Même si je n'ai jamais eu de rapport sexuel
avec un homme, je sais que je les aime, les filles, elles ne m'attirent pas. »
Il aurait souhaité rencontrer un imam pour avoir des réponses à ses
interrogations.


S'il a poussé les portes du Refuge, c'est justement pour rencontrer des gens
qui lui « ressemblent », partager des avis sans pour autant passer par des
sites de rencontres. Aujourd'hui, il affirme être en accord avec lui-même mais
n'est pas encore prêt à faire son coming-out. « Je sais que Dieu est avec moi,
si j'étais maudit, je n'aurais pas fait beaucoup de choses dans ma vie, si je
suis homosexuel, ça n'est pas par choix. » Ryan s'en sort plutôt bien,
contrairement à Adam.


C'est en 2006 qu'Adam, alors âgé de 14 ans, est venu en France rejoindre son
frère et sa belle-sœur. Pendant plusieurs années tout se passe bien avec sa
famille, l'entente est parfaite, il suit une scolarité normale. Mais tout
bascule le 24 janvier 2011, lorsqu'il laisse sa sacoche au domicile de son
frère. Photos et lettres intimes, c'est ce que découvre son aîné. Des images et
des écrits explicites entre deux hommes qui ne font pas de doute sur la
sexualité d'Adam. A son retour, sa belle-sœur lui expose la situation. Sur ses
conseils, il quitte le domicile, sans savoir où aller, et dans l'urgence, il n'
emporte que cette sacoche.


Ne sachant où aller, il se rend à la gare SNCF près de son lycée et ne
trouvant pas d'issue, il se met au bord d'un pont pour mettre fin à ses jours.
Mais deux inconnus lui évitent le pire, passent près d'une heure et demie à
discuter avec lui. Adam fond en larmes, il finit par passer la nuit sur un banc
de la gare. Le lendemain, il se rend au lycée et rencontre l'assistance sociale
qui le dirige vers l'association Le Refuge. L'organisme va accompagner Adam
pendant plusieurs jours pour lui trouver une solution d'hébergement. L'
association dispose en interne de très peu de places et de moyens pour gérer au
mieux ce genre de situation.


Résultat, après une nouvelle nuit passée dehors, des allers-retours entre le
Refuge et le lycée, les deux nuits passées sur un banc de deux centres d'
accueil, les mauvaises odeurs et avoir subi les attouchements d'un SDF, Adam va
trouver le repos grâce au 30 euros que lui donne l'assistante social. Il s'
offre le luxe d'une chambre dans une auberge de jeunesse en attendant le
lendemain. Pendant son errance, il reçoit l'appel de sa famille, qui le menace,
l'insulte. « Ils m'ont souhaité de mourir. » Et cela va durer pendant plusieurs
jours. L'écho de son homosexualité parvient jusqu'en Tunisie, où ses parents le
renient.


Finalement à la fin du mois de janvier, Olivier, le directeur du Refuge de
Paris, l'informe qu'une place s'est libérée au sein de la « villa ». Un lieu
qui accueille cinq jeunes au maximum. Aujourd'hui, Adam va un peu mieux, il a
repris les cours et essayé de se reconstruire. « J'ai toujours ça en tête, je
suis traumatisé, j'ai toujours peur, même la nuit, je pense à ça. J ai transmis
des lettres a ma belle-sœur pour rentrer en contact avec ma famille mais je
suis resté sans nouvelles. Dans ces lettres, je leur explique que je ne peux
pas changer, qu'il faut qu'ils l'acceptent, que c'est ma famille, j' ai besoin
d'eux. Mais pour l'instant, je ne suis pas prêt à aller vers eux. »
Source : GayMaroc

Fonte: http://lgbttn.tk/actu-tn/item/39-adam-et-ryan-la-fuite-de-deux-jeunes-
homosexuels
Pubblicato da Lorenzo Bernini

Cassazione: in materia di asilo l’esistenza di norme penali sanzionatorie degli atti omosessuali costituisce “di per sé una condizione generale di privazione del diritto fondamentale di vivere liberamente la propria vita sessuale ed affettiva"

di SIMONE ROSSI - avvocato del Foro di Verona

La Cassazione, con la sent. 15981/2012 depositata il 20 settembre 2012,
afferma un importante principio in materia di protezione internazionale e cioè
che l'esistenza di norme penali sanzionatorie degli atti omosessuali (nella
specie l'art. 319 del codice penale del Senegal) costituisce "di per sé una
condizione generale di privazione del diritto fondamentale di vivere
liberamente la propria vita sessuale ed affettiva". Secondo la Corte tale
privazione rappresenta una "violazione di un diritto fondamentale, sancito
dalla nostra Costituzione, dalla C.E.D.U. e dalla Carta dei diritti
fondamentali dell'Unione Europea" che "si riflette, automaticamente, sulla
condizione individuale delle persone omosessuali ponendole in una situazione di
oggettiva persecuzione tale da giustificare la concessione della protezione
richiesta."

La sentenza è di particolare importanza perché il principio enunciato, già
applicato dalle Commissioni Territoriali e dalla giurisprudenza di merito
maggioritaria (tra cui Trib. Trieste sent. 304/2009; Trib. Torino sent.
426/2010; Trib. Milano 195/2012), trova l'esplicito riconoscimento del giudice
di legittimità, dopo la contraddittoria Cass. 16417/2007. Quest'ultima
pronuncia – che è erroneamente considerata un precedente in materia di
protezione internazionale, mentre attiene ad un procedimento di espulsione ex
art. 19 D.Lgs. 286/1998 (e anche la sentenza in commento persiste nell'errore)
– con una motivazione piuttosto confusa, aveva affermato che le norme penali
che sanzionano l'omosessualità possono essere astrattamente persecutorie, ma
che per integrare gli estremi del fatto persecutorio è necessario verificare se
"la sanzione penale sia prevista con riferimento alla qualità dell'agente, e
non necessariamente anche in relazione alla pratiche che dalla stessa
eventualmente conseguano". Con la sentenza 15981/2012, la cassazione supera
radicalmente questa distinzione tra precetti penali, riconoscendo pianamente
che l'esistenza di sanzioni penali rappresenta una forma di persecuzione. La
pronuncia potrà quindi avere importanti riflessi anche nei giudizi di
opposizione all'espulsione.

L'enfasi sul diritto fondamentale di vivere liberamente la propria vita
sessuale e il richiamo alla C.E.D.U. e alla Carta fondamentale dei diritti dell'
Unione Europea, confermano l'atteggiamento finalmente 'laico' della Cassazione
rispetto ai diritti lgbti, inaugurato da Cass. 4184/2012 e che speriamo porti
molti buoni frutti.

Fonte: http://www.retelenford.it/node/825
Pubblicato da Lorenzo Bernini